Chi paga meno tasse alzi la mano

Dopo anni di profondo rosso, ora il dato sul Pil torna soltanto a galleggiare, lasciando l’Italia tra i fanalini di coda e a un punto circa di distanza dalla crescita media Ue. Ma tanto basta alle fanfare della propaganda di governo per sbandierare un dato che in realtà è un’illusione ottica: il calo della pressione fiscale.

E’ falso dire che le tasse diminuiscono quando le si osserva in rapporto al Pil ed è solo quest’ultimo che sale. In realtà, i numeri assoluti dicono tutt’altro. Le entrate tributarie del 2016, al netto del gettito della voluntary disclosure, sono aumentate del 2,4% rispetto al 2015 e complessivamente hanno superato i 451 miliardi. Nel 2014, invece, il dato era fermo ad appena 419 miliardi, oltre 30 miliardi in meno. I telegiornali possono continuare a fare tutta la propaganda che vogliono, ma i cittadini conoscono la verità sulla loro pelle.

D’altronde, chiedete a un italiano medio se ha la percezione di pagare meno tasse e vedrete cosa vi risponderà. Anche perché il giochino, pesante e squallido, fatto dai governi negli ultimi anni è stato quello di diminuire o tener ferma la tassazione centrale per poi scaricarne le conseguenze sugli enti locali, tramite tagli ai trasferimenti. Così poi i comuni o gli enti di area vasta hanno dovuto alzare le imposte locali, le tariffe o tagliare i servizi essenziali per far quadrare i conti. Con ricadute gravissime, come al solito, per i cittadini.

Un dato? I soli sindaci tra il 2008 e il 2013 hanno avuto una riduzione di risorse per 17 miliardi di euro. Un massacro. Con il MoVimento 5 Stelle al governo niente più trucchi statistici. Soltanto un fisco più semplice e più equo.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte: Il Blog delle stelle : http://www.ilblogdellestelle.it/2018/01/chi_paga_meno_tasse_alzi_la_mano.html

Più garanzie alle famiglie, più figli: più felicità!

di Luigi Di Maio

Avete visto il rapporto Istat sulla natalità? Calano i nati e diminuisce il tasso di fecondità, lontanissimo da quel “tasso di sostituzione” che servirebbe a mantenere la popolazione totale su livelli almeno costanti (poco oltre i 2 figli per donna).

I dati sono allarmanti:
473.438 bambini nati nel 2016, cioè -12mila sul 2015 e -100mila rispetto a 8 anni fa. Come sottolinea l’Istat il calo riguarda in particolare le famiglie italiane. Il tasso di fecondità complessivo è in calo a 1,34 per donna, 1,26 per le donne italiane. Senza l’apporto degli immigrati i risultati sarebbero ancora più tragici. E personalmente posso dire che è una tristezza. Perché vuol dire che gli italiani non si sentono nelle condizioni di poter fare una famiglia o di poterla allargare.

Questo vero e proprio tracollo si spiega con le politiche dei governi di centro-destra e di centro-sinistra. Il filo rosso che ha unito tutto l’arco politico in questi anni riguarda due settori in particolare:

– la spesa per il sostegno alle famiglie e ai bambini, che secondo i dati Eurostat è stabile intorno ad un misero 1,5% del Pil contro l’1,7% medio della Ue e il 2,5% della Francia (paese che vanta un tasso di fecondità maggiore di 2)

– il mercato del lavoro, liberalizzato e reso precario anno dopo anno fino al Jobs Act del governo Renzi, e gravato da una disoccupazione reale che si aggira intorno ai 6 milioni di unità

Come possiamo pretendere che giovani disoccupati o sottoccupati, senza reddito, abitazione e stabilità lavorativa mettano su famiglia, con tutti gli oneri economici che ciò comporta? E come possiamo pretendere che chi, nonostante tutto, ha il coraggio di farlo si permetta anche il lusso di una famiglia numerosa? Nel paese transalpino sin dal 2006 si è garantito un assegno mensile da 750 euro alle madri che scelgono il congedo di maternità di 1 anno e le garanzie per le madri lavoratrici sono ben più solide che nell’Europa meridionale e centrale.

Maternità e carriera possono e devono andare insieme.

A ciò si aggiunga che le famiglie francesi con tre o più figli godono di sensibili vantaggi per l’uso dei servizi essenziali, il sistema fiscale per le famiglie è molto favorevole e le scuole materne sono gratuite. Infine, dal 2001 il congedo di paternità può durare fino a 14 giorni e dal 2004 per ogni figlio c’è un premio alla nascita di 800 euro. Questa è una vita di qualità. Più garanzie alle famiglie, più figli: più felicità! È un impegno solenne che porteremo a compimento nell’arco della prossima legislatura se andremo al governo. Sappiamo già cosa fare, sappiamo già che funziona. Lo faremo. Perché per far crescere l’Italia bisogna tornare a fare figli e le famiglie vanno sostenute seriamente.

Chi sono i populisti? Il partito che si vende un bonus mamma come una misura rivoluzionaria o chi, come noi, vuole replicare in Italia le buone pratiche della vicina Francia?

Assistenza gratuita del MoVimento per il risarcimento della TARI: trova il punto vicino a te

Ormai è un dato accertato che molti Comuni italiani abbiano effettuato un errore di calcolo nella determinazione della TARI, la tassa rifiuti. Infatti si è considerato che le cosiddette pertinenze come garage, i box, le cantine, le mansarde, le soffitte come “componenti aggiuntivi della famiglia”. Questo problema ha avuto come risultato quello di far lievitare la bolletta del cittadino contribuente. Oggi, grazie al lavoro ispettivo del MoVimento 5 Stelle, il problema si è chiarito.

Per cui se hai pagato la TARI puoi verificare se nella bolletta siano stati riportati valori illegittimi. Se nella bolletta oltre alla voce principale trovate “domestica-accessorio” con il rispettivo valore nella sezione “tariffa variabile” possiamo sicuramente dire che si tratta di un valore illegittimo che, qualora già pagato, può essere oggetto di risarcimento.

Risarcimento che è possibile ottenere solo tramite ricorso. Ricorso da fare fornendo al comune, tramite raccomandata a/r o protocollo, un modulo con la copia delle bollette pagate ingiustamente. Trascorsi 90 giorni, se non si è ottenuta risposta o se è stato esplicitato un diniego, si può fare ricorso alla Commissione tributaria locale. Oltre all’interrogazione che ha consentito di scovare l’errore abbiamo pensato di fornire anche assistenza gratuita ai cittadini per il calcolo e la produzione degli eventuali ricorsi tramite i punti regionali SOSAntiEquitalia. Alcuni di loro (ad esempio in Calabria) sono in tour nei principali comuni per fornire assistenza diretta.

Puoi pertanto rivolgerti ai nostri volontari nelle zone indicate e attraverso le seguenti modalità:
ABRUZZO
FRANCAVILLA AL MARE
Skype: SOSAntiEquitalia Abruzzo
Mail: sosequitafra@gmail.com
CALABRIA
LAMEZIA TERME– Via Garibaldi 43 – Martedì dalle 15,30 alle 19,00
MAIL: antiequitaliacalabria@gmail.com
CAMPANIA
VOLLA (NA) – Via Sandomenico 3– Sabato dalle 9,30 alle 13,30.
MAIL: puntocivicom5svolla@gmail.com
EMILIA ROMAGNA
BOLOGNA
MAIL: soccorsoantiequitaliam5sbo@gmail.com
FRIULI VENEZIA GIULIA
PORDENONE
Skype: SOSAntiEquitalia FVG
Mail: antiequitaliafvg@gmail.com
LIGURIA
GENOVA CENTRO
MAIL: sosequitaliagenova@gmail.com
PUGLIA
BARI–Via Manzoni 243 – Martedì e Sabato dalle 17,00 alle 20,00
MAIL: info@sosequitaliam5spuglia.it –
SICILIA
CATANIA – Via Plebiscito, 40
MAIL: sosriscossionesicilia@gmail.com
TOSCANA
PISA–via Fiorentina 214/c – Mercoledì dalle 15:00 alle 17:00
MAIL: antiequitalia.toscana@gmail.com
UMBRIA
PERUGIA, Gruppo regionale M5S, Palazzo Cesaroni, piazza Italia n. 1
MAIL: sosequitalia@m5sumbria.it
TRENTINO ALTO ADIGE
BOLZANO
sosequitalia.tn.bzsuedtirol@gmail.com
VENETO
VERONA – Piazza Bra,1
MAIL: sosequitalia@movimento5stelle-verona.it
SKYPE: sosequitaliam5sveneto
MARCHE
sosequitaliamarche.m5s@gmail.com
Via Cavour n.5/A
Falconara Marittima AN

Giornalisti smascherati: ecco come fabbricano le fake news sul MoVimento 5 Stelle

Tre giornalisti (Mario Ajello, Gabriella Cerami e Luca De Carolis) hanno fabbricato una fake news, cioè una notizia falsa, sul MoVimento 5 Stelle e l’hanno diffusa un giorno prima del voto in Sicilia, in pieno silenzio elettorale. Non è un sospetto. È una certezza supportata dalle evidenze del servizio de Le Iene di ieri sera a cura di Cristiano Pasca, che ringraziamo per essersi preso la briga di intervistare tutte le parti in causa in questa triste vicenda. Invitiamo tutti voi a vedere il video e a diffonderlo il più possibile per ristabilire la verità.

I fatti sono noti. Il giornalista del Messaggero Ajello sabato mattina pubblica un articolo in cui afferma che Di Maio, Di Battista e Grillo hanno fatto sloggiare i giornalisti dal locale al grido di “O noi o loro” rivolto direttamente al ristoratore. Il tutto condito da una serie di insulti gratuiti ai portavoce e allo staff del MoVimento 5 Stelle. Il giorno dopo era stato lo stesso ristoratore, Gigi Mangia, a smentire quanto affermato dal giornalista e ad affermare che erano stati i giornalisti a dirgli di voler andare via per amicizia nei suoi confronti. Questo blog aveva riportato la sua smentita, al contrario di tutti i giornali che il giorno prima avevano dato massimo risalto alla fake news, in pieno silenzio elettorale.

Il servizio delle Iene non lascia scampo ai tre giornalisti confezionatori della fake news. Parlano di prove, ma alla fine non ci sono. Al telefono, incalzati da Cristiano Pasca, balbettano e davanti alle loro telecamere scappano come chi sa di averla fatta grossa ed essere stato scoperto. Questo è il livello dell’informazione italiana e oggi, grazie a questa prova documentale potete vedere come le fake news vengono fabbricate senza nessun appiglio alla realtà in barba a qualsiasi codice deontologico. Il servizio delle Iene aggiunge però un ulteriore elemento di riflessione perché Gigi Mangia è la vera vittima di questo abuso di potere giornalistico. Il ristoratore ha infatti subito ingenti perdite economiche e ha ricevuto tonnellate di insulti e recensioni negative sul suo ristorante a causa di questa fake news ripresa da tutti i media. I cittadini comuni sono sempre quelli che ci rimettono personalmente a causa della cattiva informazione.

Tre sono le cose che chiediamo:
– che l’Ordine dei giornalisti prenda immediatamente provvedimenti nei confronti dei confezionatori della fake news
– che gli editori dei rispettivi giornali (Il Messaggero, Il Fatto Quotidiano e l’Huffington Post) risarciscano immediatamente Gigi Mangia dei danni subiti
– che riempiate di recensioni positive il ristorante di Gigi, preso di mira dai lettori presi in giro con una fake news e dove tra l’altro vi assicuriamo che si mangia benissimo, anche se la cosa più squisita è l’ospitalità

Speriamo anche che i tre giornalisti si mettano una mano sulla coscienza e chiedano scusa.


Log In

Seguici su FB