SPORT

Sistema sportivo

  • Dare risposta, in termini di offerta di impianti e servizi sportivi, alla domanda attuale e potenziale di sport, interagendo con tutti i soggetti coinvolti nel sistema sportivo.
  • Attivare la consulta per lo sport.
  • Collaborare con le istituzioni scolastiche, le istituzioni sanitarie e le federazioni.

Diritto allo sport

  • Garantire l’uso degli impianti sportivi a tutti i Cittadini.

Ristrutturazione degli impianti

  • Predisporre, in modo da essere pronti appena dovessero rendersi disponibili dei fondi, i relativi progetti.
  • Non utilizzare aree vergini per la costruzione di nuovi impianti.
  • Interagire con le federazioni interessate a realizzare centri federali.

Gestione degli impianti

  • Gestire in proprio gli impianti sportivi comunali.
  • Affidare a soggetti privati la gestione degli impianti che non si riesce a gestire direttamente.

Promozione dello sport

  • Concedere buoni sport agli studenti meno abbienti.
  • Realizzare un sito internet in cui trovare tutte le informazioni.
  • Agevolare la realizzazione di corsi ed eventi sportivi, prevedendo tariffe ridotte o azzerate per l’uso degli impianti sportivi.

Organizzare il sistema sportivo locale

  • Dare risposta, in termini di offerta di impianti e servizi sportivi, alla domanda attuale e potenziale di sport proveniente dai praticanti, organizzati o meno, e dagli spettatori, intendendo lo sport non solo come momento agonistico, ma, soprattutto, come momento di aggregazione sociale, di formazione e di benessere psico-fisico (art.2 Carta Europea dello Sport).
  • Interagire con tutti i soggetti, pubblici e non, coinvolti nel sistema (Coni, altri enti pubblici, federazioni ed enti di promozione sportiva, società ed associazioni sportive, istituzioni scolastiche, istituzioni sanitarie, organi di informazione, famiglie, atleti, istruttori, tecnici, educatori, arbitri, medici, dirigenti, organizzatori, collaboratori, volontari).
  • Attivare la consulta per lo sport.
  • Collaborare con le istituzioni scolastiche, soprattutto allo scopo di concentrare le attività sportive scolastiche nelle ore pomeridiane e realizzarle, coinvolgendo tutti gli iscritti, in convenzione con le società e associazioni sportive operanti nel territorio, a disposizione delle quali, per altro, devono essere posti le palestre, le aree di gioco e gli impianti sportivi scolastici, compatibilmente con le esigenze dell’attività didattica e delle attività sportive della scuola (art.90, comma 26, L.289/2002).
  • Collaborare con le istituzioni sanitarie e le associazioni operanti in materia, come ad esempio la Croce Rossa Italiana, Associazioni Onlus:
  1. Per l’istituzione di un efficiente servizio di primo soccorso e la dislocazione delle ambulanze disponibili presso gli impianti sportivi.
  2. Per la riduzione del costo necessario per la loro effettuazione.
  3. Per la dotazione di ogni impianto sportivo del defibrillatore e per l’apposita formazione del personale in tal senso.
  • Collaborare con le federazioni sportive al fine di poter ospitare o organizzare gare, tornei, incontri, stage e raduni degli atleti e delle squadre rappresentative, giovanili e non, regionali o nazionali o di altri paesi.

Garantire a tutti i cittadini il diritto di praticare sport in un ambiente idoneo (art.1 e 4 Carta Europea dello Sport)

  • Garantire l’uso degli impianti sportivi a tutti i cittadini e, sulla base di criteri obiettivi, a tutte le società e associazioni sportive (art.90, comma 24, L.289/2002), in modo da agevolare i meno abbienti, i disabili, i giovani, gli anziani e le società e associazioni sportive dilettantistiche, dotate di personale qualificato, che svolgono attività gratuita in favore delle suddette categorie di persone.

Pianificare la manutenzione straordinaria e la ristrutturazione degli impianti esistenti e la costruzione di nuovi impianti, ove carenti

  • Predisporre, in modo da non farsi trovare impreparati appena dovessero rendersi disponibili dei fondi comunali o dovessero essere emanati al riguardo dei bandi regionali, nazionali o europei, i progetti al riguardo necessari (in ordine di priorità, per:
  1. La manutenzione straordinaria e la ristrutturazione degli impianti bisognosi di interventi.
  2. La realizzazione di percorsi pedonali e ciclabili, magari in spazi naturali, le coste marittime per agevolare lo sport libero e non organizzato.
  • Non utilizzare per la realizzazione dei suddetti impianti aree vergini, ma aree, magari già appartenenti o acquisibili gratuitamente al patrimonio del Comune (al qual proposito occorre una vera e propria ricognizione in tal senso, tenendo conto anche delle aree confiscate alla criminalità organizzata), appositamente destinate o dismesse e da riqualificare.

Pianificare la gestione degli impianti sportivi

  • Gestire, custodire, pulire e manutenere direttamente al meglio gli impianti sportivi esistenti.
  • Affidare a soggetti privati la gestione degli impianti che non si riesce a gestire direttamente, previa determinazione di criteri generali e obiettivi per l’individuazione dei soggetti affidatari e sulla base di convenzioni che ne stabiliscono i criteri d’uso (art.90, comma 25, L.289/2002), dietro pagamento di adeguati canoni e/o dietro fornitura di servizi compensativi, dando magari la possibilità di utilizzare parte degli spazi per installare impianti fotovoltaici.

Promuovere la pratica dello sport, soprattutto da parte dei più giovani

  • Concedere buoni sport agli studenti meno abbienti per la partecipazione a corsi sportivi organizzati da società e associazioni sportive operanti sul territorio dotate di personale qualificato, prevedendo degli importi supplementari per i più dotati e meritevoli.
  • Realizzare, in collegamento al portale del Comune, un sito internet in cui trovare tutte le informazioni sugli impianti (giorni e orari di apertura, tariffe, modalità di prenotazione e di pagamento) e sulle attività che vi si svolgono (manifestazioni, tornei, campionati, corsi).
  • Agevolare la realizzazione di corsi ed eventi sportivi, con preferenza per quelli di carattere gratuito o di rilievo nazionale o regionale, prevedendo tariffe ridotte o azzerate per l’uso degli impianti sportivi.